Porsche, ancora informazioni sul motore a quattro cilindri

di Riccardo Guerra 2

La casa automobilistica della Cavallina, mentre si prepara al grande giorno del debutto della nuova Porsche 911 991, sta ancora alacremente lavorando sul motore a quattro cilindri benzina, che dai prossimi anni equipaggerà le compatte Porsche Boxster, Porsche Cayman e la nuova spyder compatta (in fase di sviluppo). Non abbiamo ancora ricevuto conferme ufficiali, ma le voci che vengono sussurrate e le chiacchiere che vengono bisbigliate a destra e a sinistra nel mondo automobilistico sembrano darci quasi la certezza che il brand del Gruppo Volkswagen sta davvero mettendo a punto un cuore compatto, ecologico, ma potente ed adatto a regalare le stesse emozioni (proporzionate in base alla carrozzeria) dei più noti sei ed otto cilindri della gamma.

Secondo alcune nuove indicazioni, il nuovo propulsore benzina a quattro cilindri che i tecnici Porsche stanno progettando è nato sulla base del nuovo 3.4 litri boxer benzina a sei cilindri della settima generazione di Porsche 911 (quella che vedremo al Salone di Francoforte 2011, tra poche ore); questo ci fa pensare, dunque, che anche la nuova motorizzazione manterrà il classico layout boxer con i quattro cilindri disposti su uno stesso piano orizzontale. In sostanza, secondo le voci, l’azienda ha soltanto “spento” due dei cilindri del motore 3.4 litri, senza intaccare eccessivamente l’architettura.

Da questa operazione pare sia risultato un motore benzina di circa 2.6 litri, anche se oggi non escludiamo che da questo stesso progetto possano nascere versioni da 2.0 litri o da 2.5 litri. Pare che, sfruttando un sistema di iniezione diretta del carburante ed un sistema di sovralimentazione, il nuovo motore quattro cilindri benzina di Porsche potrà produrre sino a 380 cavalli (!), anche se nel corso della carriera di questa motorizzazione ne saranno confezionate versioni meno aggressive (le potenze saranno comprese – pare – tra 200 e 350 cavalli).

Con questo propulsore, il brand Porsche intende abbassare i livelli di emissioni di anidride carbonica della propria gamma e i valori di consumo di carburante.

Commenti (2)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>