Motor Show Bologna, si alza il sipario della 34° edizione

di Moreno Commenta

motor show bolognaNonostante mille problemi apre il Motor Show, la kermesse della 34° edizione di Bologna Fiere per tutti gli appassionati di motori. La società che organizza l’evento, la Promotor, ha fatto il miracolo dando vita all’apertura con una parata di auto storiche che hanno attraversato il centro di Bologna. Il programma prevede che quasi ogni giorno le auto d’epoca si sfideranno in pista, mentre un padiglione, il 25, ospiterà una selezione di meravigliose quattro e due ruote storiche messe a disposizione da un gruppo di club e collezionisti italiani. Tra le vetture proposte figurano diversi modelli che hanno fatto la storia dell’auto. la Ferrari 330 GTC – vettura che segnò un nuovo filone di Granturismo Ferrari firmate da Pininfarina – alla Fiat 1100/103 degli anni Cinquanta. Sempre in ambito Fiat saranno presenti due modelli la Fiat 500 A (Topolino) e la ‘miticà Fiat 500. Uno spazio va dato alla Lancia Aprilia, prima vettura italiana a scocca portante e l’Alfa Romeo 2600 Touring del ’63: una classe inimitabile contraddistingue il design firmato dalla Carrozzeria Touring di Milano. Passando alle vetture straniere, l’Austin Mini Cooper, una Aston Martin DB MK3 del ’57 o un esemplare di Peugeot 401 Limousine del ’43 . Non manca il mito americano rappresentato da una Chevrolet Corvette, e nemmeno la Porsche 911, che affascina e stupisce da quarantasei anni con la sua linea intramontabile. Il padiglione 25 presenterà una nutrita rappresentanza di vetture da rally. Ci sarà una Lancia Stratos Alitalia, Lancia Stratos Chardonnet, la Lancia 037 Martini e la Fiat 131 Abarth Alitalia. Tre le Audi: Audi 80, l’Audi Coupè, Audi 90, mentre non mancherà infine una selezione di moto tra cui una Bianchina del 1951, una DKW “175 compressore corsa” del 1927, la HOREX 350 Granturismo del 1956 e infine una GILERA SATURNO 500 del 1949.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>