F1, crisi e stipendi piloti

di Sebastiano Cucè Commenta


Il ritiro di Toyota e BMW dalla Formula 1 è stato uno dei segnali più evidenti che ha messo in luce il bisogno di abbassare la spesa elevata dei costi, da sempre caratteristica di questo sport. FIA e FOTA hanno promesso un ritorno, in termini economici, pari a quello degli anni 90, ma gli stipendi ed in particolare quello dei protagonisti e quindi dei piloti, hanno subito un reale taglio o sono rimasti invariati? Ecco i risultati della breve indagine condotta dal britannico James Allen.

Quasi tutti i team ingaggiano i propri piloti allo stesso modo. Lo stipendio è diviso in una parte fissa, quasi sempre un 70%, e da una parte bonus costituita dal restante 30%. Appunto quest’ultima parte dipende dalle vittorie, dai podi e dal risultato in classifica che ogni singolo pilota ottiene.

Alla Red Bull hanno le braccia corte, in quanto la parte fissa è pari al 40%, mentre il bonus è pari al rimanente 60%, condizione che sicuramente incentiva i propri piloti a vincere di più. Quest’anno la parte fissa dei piloti Vettel e Webber ammonta a circa 3,5 milioni €, somma che aumenterà conseguentemente all’ottimo progresso della squadra.

Il desiderio di abbassare il prezzo degli stipendi dei piloti c’è stato, soprattutto nel 2009, ma per il momento la vera riduzione ottenuta dai team è nella lunghezza dei contratti stipulati con i propri piloti. Chi ne è uscito vincitore da tutto questo è stato Lewis Hamilton, che seguito fin dalla giovane età da Ron Dennis, proprio nel 2007, anno di debutto, firmò un contratto quinquennale con il suo team del valore di 50 milioni di €, senza contare che Lewis ha dei contratti pubblicitari che gli fanno intascare circa 3 milioni di € all’anno.


Fernando Alonso è un altro pilota che guadagna molto bene, anche se non è ben chiaro quanti soldi effettivamente prende tra Ferrari e Santander. Alcuni agenti stimato contratti dal valore di circa 12-15 milioni di € a stagione. Felipe Massa che nel 2007 aveva un contratto di 12 milioni di € sicuramente non sarà riuscito a mantenere tale prezzo nell’ultimo accordo biennale preso con la Ferrari.

Button ha avuto una situazione particolare. Lui guadagna adesso alla McLaren 8 milioni di € a stagione, ma quando correva alla Brawn, a causa del ritiro della Honda, ha dovuto accettare uno stipendio di 5 milioni di €. Dunque attualmente si potrebbe pensare ad un aumento, ma in realtà ai tempi della Honda Button guadagnava tanto quanto adesso, per altro senza essere campione del mondo.

Raikkonen è il pilota che nonostante sia fuori dalla F1 continua a guadagnare lo stesso, perché per aver accettato il licenziamento dalla Ferrari è stato pagato ben 19 milioni di €, ma una clausola ammetteva una riduzione nel caso in cui il pilota avrebbe trovato un altro ingaggio. Ed infatti Kimi adesso corre con la Red Bull\Citroen sui rally, con un contratto pari a 10 milioni a stagione, ragion per cui la Ferrari per permettere ad Alonso di sostituire il finlandese ha dovuto sborsare solo 9 milioni.

Ed infine Schumacher. Il tedesco che ai bei tempi della Ferrari guadagnava 25 milioni a stagione, sicuramente non avrà uno stipendio così florido, ma il legame con la Mercedes e l’avvicinamento di molti sponsor con quest’ultima fanno si che Schumacher non guadagni meno di 10 milioni a stagione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>