Think Blue Factory, il progetto di Volkswagen a difesa dell’ambiente

di Gtuzzi 2

Volkswagen si sta dando da fare per ridurre l’impatto sull’ambiente dei propri stabilimenti.

think blue factory volkswagen
Volkswagen ha, quindi, provveduto a inaugurare la politica denominata Think Blue, mediante la quale sono state organizzate un gran numero di manifestazioni interessanti.
Il progetto inizia con la Think Blue Challenge: si tratta di un vero e proprio concorso per tutti gli automobilisti che hanno a cuore l’ambiente circostante, ma è importante anche il ruolo svolto da Think Blue Factory.

think blue factory volkswagen

PIU’ ATTENZIONE NELL’USO DELLE RISORSE

La politica intrapresa dalla Think Blue Factory è piuttosto semplice da comprendere e, allo stesso tempo, si deve attuare necessariamente di questi tempi.
Volkswagen Maggiolino Cabrio 2014, ecco le prime foto spia
All’interno di Think Blue Factory il denominatore comune è rappresentato da un uso più attento e organizzato delle risorse, che permette di raggiungere obiettivi a medio-lungo termine in minor tempo, come ad esempio la diminuzione delle emissioni di CO2 nell’aria, ma anche di ogni altro elemento che viene creato dalle fabbriche e poi disperso nell’atmosfera.
L’obiettivo del marchio tedesco è quello di introdurre un determinato standard e di organizzare delle iniziative comuni a tutti i 94 stabilimenti, in maniera tale da far rientrare nel progetto anche i brand Seat, Skoda e Audi.
Volkswagen Golf 7 R, rilasciata la prima foto spia
L’utilizzo dell’energia, quindi, ma anche dei materiali e dell’acqua verrà approfondito e studiato da diverse ricerche, che proveranno ad introdurre delle modifiche sostanziali ai vari stabilimenti.

RIDURRE LE EMISSIONI DEL 25% ENTRO IL 2018

Lo scopo del progetto denominato Think Blue Factory è rappresentato dall’ottenimento di una diminuzione pari al 25% delle emissioni nocive degli stabilimenti del marchio tedesco entro il 2018 in confronto ai dati che sono stati registrati solo due anni fa.
Volkswagen Golf 7, rivelati i primi teaser ufficiali
Questo nuovo progetto Think Blue si può certamente presentare come il proseguimento ideale della gamma di propulsori BlueMotion, che è stata lanciata nel 2005 con il primo modello della Polo.
Questo sistema è già stato installato in diversi stabilimenti del marchio tedesco, ovviamente in fase sperimentale, ma pare che il cerchio di fabbriche destinate ad accoglierlo si allargherà sempre di più.

Commenti (2)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>