Ferrari 458 Italia, richiamo ufficiale ipotetico per la berlinetta di Maranello

di Riccardo Guerra 1

C’è poco da scherzare, a questo punto. Non c’è neppure troppo da stare allegri. Questa ve la voglio raccontare: un proprietario di una Ferrari 458 Italia (non parliamo del cognato di Gianfranco Fini, ovviamente) avrebbe ricevuto, dalla casa madre emiliana, qualcosa di simile ad una lettera di richiamo. Non stropicciatevi gli occhi, è proprio la verità.

Egli, forse indignato, quasi in cerca di conferme o cameratismo vario, avrebbe spifferato il tutto ad un sito internet (che, per l’esattezza e l’ironia della sorte, è quello stesso che ha mostrato e descritto la lunga serie di incidenti in cui è stata coinvolta una delle Ferrari 458 Italia fino ad ora commercializzate), il quale sta diffondendo la notizia senza remore.

Non v’è nulla di ufficiale, ma, durante la settimana, la stessa casa automobilistica di Maranello aveva comunicato di aver dato vita ad un’indagine su alcuni esemplari di Ferrari 458 Italia. Nello specifico, lo studio aveva coinvolto solo quei tre modelli che erano stati arsi (parzialmente o totalmente) da un incendio spontaneo: quello di Parigi, il primo, quello su un valico svizzero, il secondo, e l’ultimo, il più recente, quello dell’aeroporto di Heathrow, a Londra.

Di conseguenza, l’ipotetica notizia di un richiamo ufficiale di Ferrari 458 Italia non pare neppure così troppo blasfemo, ora come ora. Seguendo quanto riportato dalla fonte, la natura del problema risiederebbe nel fatto che un tubo che contiene il gas in eccesso e quello che accoglie i vapori di gas sarebbero stati collocati, in fase di progettazione, eccessivamente adiacenti al propulsore V8 di 4,5 litri di cilindrata.

Ad ogni modo, il costruttore italiano di rosse s’è precipitato frettolosamente a precisare che, all’interno dell’indagine, non ci sarebbe alcun posto per quegli spiacevoli sinistri, in cui a giocare è stata la sbadataggine, l’incoscienza o la mancanza di esperienza dei piloti di Ferrari 458 Italia. In soldoni, solo quelle vetture che sono state bruciate dal fuoco spontaneo verranno risarcite. Per le altre, nada.

Commenti (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>