Dominio Mercedes nella prima della SUPERSTARS 2013 a Monza, Liuzzi e Biagi gli uomini da battere

di Giuseppe Benevento Commenta

La serie SUPERSTARS si è aperta ieri a Monza per il campionato 2013 con una certezza: le vetture da battere sono tedesche. In entrambe le gare c’è stato un dominio delle Mercedes C63 AMG che hanno monopolizzato il podio non lasciando scampo alle vetture di altre marche.
SUPERSTARS 2013, i piloti del podio di gara 1 e Gara 2 - UltimoGiro.com
Le gare, trasmesse in diretta su Rai Sport, sono state il completamento di un weekend all’insegna della Stella cominciato con la prima fila tutta Mercedes e la vittoria di Vitantonio Liuzzi in gara 1 e, poi, del compagno di scuderia Thomas Biagi in gara 2. Terzo, in entrambe le gare, Luigi Ferrara sempre su Mercedes C63 AMG (coupé).

SUPERSTARS 2013, dominio Mercedes con Liuzzi e Biagi - UltimoGiro.comMa il duo da battere resta quello della scuderia Romeo Ferraris: Liuzzi-Biagi (nella foto con Paolo Lanzoni di Mercedes-Benz Italia, al centro, e alcune colleghe della stampa, ai lati). Rispettivamente primo e secondo in gara 1, per poi invertirsi le posizioni in gara 2, i due italiani sembra che saranno gli uomini da battere in questo campionato. Sicuramente “favoriti” da una vettura potente, veloce e affidabile come la Mercedes C63 AMG del team Romeo Ferraris, i due ci hanno messo di certo del loro per portare a termine due gare perfette facendo il vuoto dietro gli scarichi.

L’unica vettura riuscita a stare vicina alle due Mercedes C63 AMG è stata comunque un’altra C63 AMG, ma in versione coupé, quella di Luigi Ferrara, dimostrando che la Casa della Stella ha la potenza giusta per primeggiare in circuiti com il “tempio della velocità” di Monza.

La prossima gara si svolgerà a Brno, in Repubblica Ceca il prossimo 19 maggio e, ovviamente, le favorite sono sempre le Mercedes C63 AMG di Liuzzi e Biagi. Vedremo se anche nella prossima gara la musica, anzi, il rombo del motore vincente, sarà lo stesso. Nell’attesa, potete gustarvi qualche foto dell’evento di ieri sul nostro canale Twitter dove abbiamo seguito dal vivo le gare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>